L'Abate del 1227 acquista un terreno...
INDIETRO

Un documento del 1227 ci parla di un terreno acquistato dall'Abate "per la dotazione di un ospedale", terreno che si trovavav a apoca distanza dal Monastero, nel territorio di Veroli, in località "Scannacrapa". Questa testimonianza è molto intreressante, poiché ci assicura che nel 1227 l'Abate pensava alla dotazione di un ospedale e ciò conferma che in Casamari già esisteva una tradizione di assistenza agli infermi fin dalla sua fondazione.

(Documento del 1227, conservato presso l'Abbazia di Casamari. Chartarium Casaemarii, documento del 28 dicembre 1227, Cap. 227,f. 214 a tergo).



torna alla lettura della pagina del valetudinarium e dello xenodochium































































































INSTRUMENTUM VENDITIONIS ET DONATIONIS CUIUSDAM IN SCANNACRAPA PER ALTRUDAM

In nomine D.ni Anno Nativitatis eius MCCXXVII. Indictione XV, Pontificatus Dni Honorii tertii Papae, anno XI, mense decembris die XXVIII. Hac Die ego Altruda filia Leonis civitatis Verule habitatrix mea bona voluntate constituente mihi Racterio viro meo trado vendo, et si melius dono Monasterio Casemarii, et tibi D.no Gregorio Reverendo Abate terram positam in territorio Verulano in loco qui dicitur Scannacrapa, pro qua recepi per manus D.ni Martini magistri infirmarii XXXXIV solidos proves, nomine pretii, quam dicebat fore emptam ad utilitatem infirmariae, quae est posita a tribus lateribus infra terras Casemarii tributa potestate a me vestram libitum faciendi et promitto me defendere litem non movere; quod si non fecero obligo me meosque heredes vobis vestrisque successoribus duplum pro poena solvere, et poena soluta carta haec firma permaneat. Quam scribere rogavi Joannem civitatis Verulanae scriba tempore dicto, hii fuere testes: Petrus Amanti Rufini: Loffridus Georgi: Petrus Matoei de Falco: Ecclesiae pandens Romanae scriba Joannes: et signum pressi, qui cernis carmina gressi.

«Chartarium Casamariense», Cap. 227, fol. 214 a tergo

indietro

consulta l'originale del documento