Glossario







Tabella pubblicitaria al tempo dell'Abate Pirelli
Tabella pubblicitaria un tempo esposta nella spezieria dell'abate Pirelli
Alcuni speziali di Casamari non soltanto si dedicavano ai farmaci, ma distillavano dalle erbe anche liquori finissimi e squisiti, la cui bontà fu sempre riconosciuta e premiata in molte mostre ed esposizioni.

Fra Eutimio Zannucoli, per esempio, iniziò nei terreni del monastero, più vicini al torrente Amaseno, la coltivazione della canna da zucchero, della quale si serviva per preparare un ottimo liquore tonico: il Rhum. Intanto avviava alla sua stessa carriera altri due monaci, Fra Sante Palombi e Fra Bernardo Polsinelli, i quali lo apprezzarono e ne seguirono le orme, divenendo esperti Semplicisti.

Dalle virtù delle erbe e delle spezie, cercarono di completare tutta una serie di prodotti, efficaci a calmare le sofferenze dei malati ed a ridonare la salute. Si produssero così altri tre preparati: l'Elixir di S. Bernardo, tonico digestivo; lo Joduro di ferro, usato dai cardiopazienti anemici, dagli uricemici ed arteriosclerotici; ed uno speciale Ferrochina, amaro tonico per gli astenici ed anemici.

Abbazia vista da sud-estFra Eutimio con il suo Rhum e con l'invenzione della Tintura Imperiale diede un rilevante impulso alla liquoreria, ma nello stesso tempo seppe formare altri monaci liquoristi come Fr. Sante, al quale si deve un Elixir digestivo e Fr. Bernardo. A questi fecero seguito altri bravi monaci liquoristi, ricordiamo Fr. Pietro Donatelli, Fr. Paolo Pagliaroli, Fra Gerardo Palmerini junior, che compose il liquore Cereate.


Attuale Liquoreria

La liquoreria di Casamari, grazie all'opera di questi monaci, divenne sempre più rinomata e subì successivi ingrandimenti fino a raggiungere quello attuale, in una attrezzatura perfettamente moderna, dai locali vasti, luminosi ed igienici per le varie preparazioni dei liquori, che si vendono in un locale dalle strutture architettoniche antiche, scrupolosamente rispettate nella loro integrità originali. Questo vasto ambiente è di facile accesso al pubblico perché situato a sinistra dell'ingresso principale dell'Abbazia. Questa attività liquoristica dell'abbazia si è protratta fino ad oggi ed è sempre rigogliosa ed attiva. I monaci, tenaci conservatori degli antichi usi, vi si dedicano con impegno coscienzioso, riuscendo così a tenere sempre desta e viva una secolare tradizione di lavoro serio, per il bene delle popolazioni locali.

Attuale Liquoreria





L'Abbazia di Casamari